la vera spiegazione dell ipocondria banale semplice ridicola

la vera spiegazione dell ipocondria banale semplice ridicola

 

Piccola premessa. Abbiamo il piacere di pubblicare il parere di un esperta sul settore, che ha desiderato intervenire su questo argomento che tanto sta a cuore a tante persone.

Buon giorno a tutti cari lettori. Sono qui per affrontare e implementare un pò di info sul tema molto contorto dell ipocondria.
In realtà, al di là delle solite spiegazioni psicofisiche, dei soliti traumi infantili e adolescenziali, dei cambiamenti geografici o abitativo . O peggio ancora, del trauma di un lutto non metabolizzato, c’è una spiegazione molto banale e molto semplice, quasi ridicola.
la vera spiegazione dell ipocondria banale semplice ridicola
L ipocondriaco, uomo o donna che sia, ( infatti questa sindrome si sviluppa solo in età adulta, e già questo di per sè è una spiegazione), ha bisogno di ammalarsi perchè troppo sano da troppo tempo.
L ipocondriaco ha un suo passato di malattie, interventi chirurgici, plastici, per motivi estetici o gravi malattie, o ha un passato tumultuoso con il dentista, con un urologo, ginecologo, dermatologo o anche banali diatribe con i parrucchieri che gli hanno bruciato i capelli e ha dovuto prendere fiale e fialette per anni per riavere la chioma perduta.
Poi arriva a un certo punto dove tutto questo scompare. Due anni senza un raffreddore, senza un
antibiotico, un aspirina, una ferita sanguinante o un colpo della strega. Niente motivazioni valide per prendere un antidolorifico, un antibiotico, un antistaminico. La mente va in tilt.
Un pò come quando lasci un auto in un box per tanto tempo senza usarla. Credi che poi non si riesca più a mettere in moto perchè vecchia o disusata, in realtà ha solo bisogno di una batteria carica e di una lavata.
A questo punta inizia la famigerata, CACCIA AL SINTOMO!! una puerile scusa per prendere almeno un aspirina o per andare dal medico senza farti prendere per pazzo. Quindi via libera al censimento dei nei, delle macchie della pelle.
la vera spiegazione dell ipocondria banale semplice ridicola
La mano si intorpidisce? è infarto. ( in realtà ci ti sei addormentato sopra). I piedi fanno formicolio? diabete. ( in realtà hai tenuto le gambe incrociate per due ore e hanno bisogno di movimento). Torcicollo? tumore al cervello a partire dalla gola. ( in realtà sei stato 4 ore davanti al computer e man mano ti sei curvato come una girella). Tendinite ai polsi? bè qua è da amputazione eh !! ( in realtà hai giocato sullo smartphone per ore facendo la stessa cosa ripetitivamente).
A cosa dobbiamo tutto questo? fateci caso rileggendo sopra. A UN MANCATO MOVIMENTO DEL CORPO !! e per movimento intendo camminare per due ore, andare in bicicletta su percorsi sterrati, correre , nuotare … e GRIDARE!!
ora non gridiamo più. Mandiamo sms, condividiamo post sui social con messaggi che non sono i nostri veri pensieri, chattiamo, ma un grido vero??
Perchè i bambini e gli adolescenti non sono ipocondriaci?? perchè non hanno voglia di ammalarsi. Vogliono uscire con gli amici, trovarsi al parchetto, andare alla gita scolastica, uscire il sabato sera, andare via per il week end. Non vogliono stare male, e andrebbero a fare un rave party pure con una gamba rotta. L unica volta che si ammalano anche per finta, è solo se rischiano un interrogazione a scuola.
Noi adulti, tante volte cerchiamo delle scuse per tutto, senza avere il coraggio di fare le cose solo per il gusto di farle. Chi è realmente ammalato, non è ipocondriaco. Non cerca il sintomo, anzi spera di non trovarlo.
la vera spiegazione dell ipocondria banale semplice ridicola
Se devi ammalarti, ti ammali e quando finalmente lo sei, potrai andare dal medico o prendere un farmaco. Ma fino ad allora, ti do un consiglio:
esci di casa, vai a piedi in una strada isolata e comincia a correre e quando sei arrivato a un punto in cui non ce la fai più per l affanno, fermati, prendi respiro e grida al mondo intero un bel VAFFA!! ma forte.
Se ti vedono, al massimo ti fanno un ricovero forzato, con tanto di psicofarmaci, il nirvana degli ipocondriaci.
Isabella C.

Lascia un commento

*